L’Osservatorio Sguardo Sul Mondo è garantista per sua natura e considera chiunque, incluso il Senatore Matteo Salvini, innocente a riguardo delle accuse che vengono mosse fino a condanna definitiva. Ciò non di meno, l’Osservatorio desidera rivolgersi alla Giunta delle Elezioni e delle Immunità Parlamentari del Senato della Repubblica facendo appello affinchè sia concessa l’autorizzazione a procedere ai sensi dell’Art. 96 Cost. richiesta nei confronti del Senatore Matteo Salvini nella sua qualità di Ministro dell’Interno Pro Tempore per i reati di cu all’Art. 605 commi primo, secondo, numero 2 e terzo del codice penale (sequestro di persona aggravato).

Qualora l’autorizzazione a procedere non fosse concessa non vi potrebbe essere un accertamento concreto della sussistenza delle supposte responsabilità da parte del competente organo giurisdizionale e questo getterebbe inevitabilmente delle ombre sulle Istituzioni per un sospetto relativo all’ipotetica volontà di tali istituzioni di coprire crimini che colpiscono diritti umani e negano i valori contenuti nella Carta oltre a costituire una chiara violazione degli obblighi internazionali assunti dal Paese.

La chiarezza su quanto accaduto, su eventuali gravi violazioni e responsabilità, raggiungibile solo attraverso l’operato della Magistratura, a nostro avviso, è anche nell’interesse dello stesso Senatore Salvini che deve essere posto in condizione di dimostrare nelle sedi proprie la correttezza del proprio operato nelle vesti, da lui ricoperte in passato, di Ministro della Repubblica. Sicuramente tale chiarezza è fondamentale per il Paese che deve sempre riconoscere e garantire i diritti inviolabili dell’uomo così come sancito dall’Art. 2 della Costituzione e, quindi, qualora delle violazioni in concreto vi siano state da parte di un uomo, ha necessità e dovere di prendere le distanze da certi errori attraverso le proprie istituzioni riaffermando così i propri valori costituzionali.